Scrivici

Turbigo (MI) - 20029Via 9 novembre 1989, 1

Mailinfo@assistenzaallafamiglia.net

__ Milano e Novara ___ | ______ Vercelli ______ | _______ Torino ____________ 335348266 _____ | 3512560635 -335348266 | 3201943161 -335348266

Riflessioni

Il lavoro che svolgiamo nella cura delle persone disabili o anziane richiede una predisposizione a rapportarsi con il disagio, la rabbia, la tristezza, il dolore senza lasciarsi ingabbiare da tutto questo. Richiede che si mantenga una certa lucidità e distacco per poter svolgere al meglio il nostro lavoro.

Questo non è da scambiarsi per freddezza o distacco ma l’atteggiamento giusto per affrontare tutti i giorni questi problemi.

Il nostro personale è formato da persone che hanno questa capacità. L’abbiamo scelto e formato in modo che sia in grado di rispondere alle pressioni sia verbali che fisiche con tranquillità e serenità. In modo che possa trasmetterlo anche alle persone che essendo malate non lo sono.

La malattia, la vecchiaia a volte sono difficili da accettare. Dover dipendere da altre persone viene percepito umiliante. Da qui la reazione di rabbia, di rifiuto e noi dobbiamo essere capaci di infondere tranquillità. Essere in grado di far capire che siamo lì per aiutare  non per giudicare.

Noi conosciamo queste persone nel momento forse peggiore della loro vita e loro scaricano su di noi tutta la loro rabbia. Non tutti fortunatamente ma molti si.

Ci sono tanti modi per affrontare il dolore e il disagio: accettazione passiva, voler fare delle cose che non sono più in grado di fare mettendo a rischio la loro incolumità, oppure non volendo più fare cose che sarebbero in grado di fare. Ecco che la nostra presenza diventa importante. Sollecitare, spronare, far sorridere, ironizzare, è tutto teso a sdrammatizzare rendere più lieve il loro malessere.